Cerca

Roma Jazz Festival

Al via la 35a edizione del Roma Jazz Festival, autunnale rassegna della capitale in programma dal
8 al 30 novembre 2011, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Di Radagasth - 17/10/2011 23:36:22

Roma Jazz Festival

Al via la 35a edizione del Roma Jazz Festival, autunnale rassegna della capitale in programma dal
8 al 30 novembre 2011, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il festival prodotto dalla
IMF Foundation è sostenuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e da Roma Capitale -
Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, e co-prodotto con la Fondazione Musica per
Roma.
Oltre agli spettacoli proposti all’interno del Parco della Musica, il Roma Jazz Festival presenterà
“NEU Jazz”; una serie di iniziative, realizzate in collaborazione con i più attivi jazz club di Roma e
con il sostegno degli Istituti di cultura europei, che presenterà una panoramica del “fare jazz” negli
altri paesi europei. Non poteva mancare infine, anche quest’anno, la sezione Arte che proporrà
“Ispirazione creativa”, con esposizione di opere di alcuni dei più importanti artisti italiani
contemporanei.
“Nei ritmi sovversivi e dissonanti, piangenti e urlanti nati nel continente nero e nel profondo Sud
della schiavitù e della miseria, gli oppressi rifiutano la Nona Sinfonia e danno all’arte una forma
desublimata, sensuale, di spaventevole immediatezza, mobilitando, elettrizzando il corpo, e
l’anima in esso materializzata” (H. Marcuse “Saggio sulla Liberazione” 1969)
Il jazz fin dalle radici etimologiche del suo nome, al fracasso, al vivere effervescente, rimanda alla
sensualità, alla mescolanza di razze, culture e idee generando il meraviglioso concetto che
l'imbastardimento produce il bello. Jazz come musica perturbante, strettamente allacciata alla vita
e alle sue vitali contraddizioni.
Tutti questi concetti, di mescolanza, ibridazione, sensualità, libertà, contraddizioni, senso della vita
vissuta a pieno, hanno trovato in personaggi come Bessie Smith, Louis Armstrong, Duke Ellington,
Billie Holiday, Sarah Vaughan, Charlie Parker, John Coltrane, Ella Fitzgerald, Miles Davis, Chet
Baker e tante altre icone del jazz, il veicolo più incidente del fascino del jazz nell’immaginario
collettivo.
Questo fascino permane ancora oggi e si riscontra nelle nuove melodie e nei nuovi astri nascenti
del jazz, anche se in maniera meno preponderante. La figura dell’innovatore, anche se più rara,
del genio introverso, fascinoso, sensuale, virtuoso, dell’intrattenitore, restano ancora elementi di
appeal e, quindi, elementi di successo. Come l’ibridazione con altre musiche e altre culture, linfa
vitale per la sopravvivenza del jazz in questo nuovo secolo.
Quest’anno, in occasione del trentacinquesimo anniversario, ci dedicheremo sempre con coerenza
alla scoperta del “ Jazz Appeal”, del fascino del jazz o della nuova estetica.
Il fascino della mescolanza o della ibridazione.
Un modo di rigenerarsi e trovare altre fonti di ispirazione, un confronto con culture diverse, la
libertà di improvvisare su altre melodie, dalla musica popolare alla lirica e al pop. Ecco, quindi i
progetti di:
Flamenco quintet con Dave Holland che dopo 40 anni da «Spanish Key», il brano contenuto in
Bitches Brew di Miles Davis, si cimenta ancora con il flamenco. Questa volta, però, interagisce con
un vero ensemble tradizionale, capeggiato dal grande virtuoso Pepe Habichuela. Il risultato è
strepitoso, con vette di intensa drammaticità alternate a momenti cantabili e distesi, tra rumbas e
bulerias nella miglior tradizione, rispettosamente rivisitata secondo un’ottica contemporanea;
Mistico Mediterraneo con Paolo Fresu e il Coro Filetta. Questo concerto sviluppa un tema caro
al musicista isolano, quello del rapporto fra jazz e folklore popolare. La tromba di Fresu e il
bandoneon di Daniele di Bonaventura contribuiscono ad amalgamare le ricche sonorità del
gruppo polifonico corso "A Filetta" il cui repertorio mescola tradizione e rinnovamento, canti antichi
e brani originali;
Opera con Danilo Rea e Flavio Boltro. Danilo Rea, la cui vera passione è sempre stata "il poter
improvvisare dall’inizio alla fine", sembra aver realizzato il proprio desiderio con questo progetto.
Rea e Boltro improvvisano sui più noti temi di arie liriche tra cui Mascagni, Puccini, Verdi, Bizet,
parlando al cuore di tutti gli appassionati della musica, non solo jazz. Splendide le interpretazioni
solistiche di Flavio Boltro a cui viene lasciato il compito di rappresentare il canto;
“We want Michael” con Enrico Rava e Parco della Musica Jazz Lab.
Un nuovo progetto ispirato a quello che viene considerato il re assoluto del pop e che con le sue
canzoni e la sua arte ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica e dello spettacolo,
Michael Jackson. Rava con la sua schiettezza umana e artistica, la sua poetica riconoscibile, la
sua sonorità lirica e struggente sempre sorretta da una stupefacente freschezza d’ispirazione, si
cimenta in un’altra avventura musicale;
Roberto Gatto, “ Progressivamente” un esploratore, un "ragazzo" che ha pensato di trasformare
il suo strumento in una macchina in grado di muoversi nel tempo e nello spazio. Un musicista che
ha sempre amato le sfide, cresciuto ascoltando il jazz ma da sempre appassionato di Progressive.
Latin Mood, una proposta musicale di incontro tra il jazz e le forme musicali del tango, della
milonga, della bossa nova, che si basa sulle composizioni originali di Bosso, Girotto e
Mangalavite, i quali hanno saputo restituire i paesaggi emotivi della musica argentina in maniera
sensuale ma anche frizzante, grazie al profluvio di accenti e al colorismo strumentale. Perfetta la
sintesi stilistica del gruppo, tra la lingua madre dei suoi membri argentini e la matrice hardboppistica
che caratterizza invece la pronuncia di Bosso.
Ibrahim Maalouf, uno dei trombettisti di maggior talento della nouvelle vague del jazz
mediterraneo con una grande passione per la musica “colta” e per quella tradizionale libanese,
suona una tromba speciale, da lui stesso inventata, per riprodurre i modi melodici della musica
tradizionale araba.
Grand Pianola - PMCE - Parco della Musica Contemporanea Ensemble diretto da Tonino Battista,
un ensemble formato da musicisti della scena europea contemporanea. Guest star, David Moss,
noto come uno dei cantanti più innovativi al mondo con una estensione di quattro ottave e mezzo
e un ampio spettro di suoni, una voce unica e potente. Tutti insieme per un omaggio a John
Adams, un artista di talento, uno dei più ammirati compositori dei nostri giorni attraverso alcune
delle sue più famose opere dedicate al gospel, al pop e alla grande tradizione swing americana.
www.romajazzfestival.it 4
Il fascino del virtuosismo, il fascino della chitarra.
Pat Metheny Trio. Pat Metheny è forse il chitarrista più famoso del mondo. La sua enorme
popolarità è dovuta a una carriera che l’ha visto protagonista nei più svariati contesti e in continue
tournée internazionali. Metheny è riuscito a forgiare un jazz quanto mai libero e aperto alle più
svariate influenze, in particolare quella sudamericana, mettendo comunque sempre in primo piano
una forte melodicità e una complessa armonizzazione. Ma, qualsiasi cosa stia suonando, rimane
sempre se stesso, innamorato delle sue chitarre e del suo mondo variegato. Un modello per tutte
le generazioni seguenti; Mike Stern Band. Mike Stern ha costruito la sua carriera negli anni ’70 e
nei primi anni ’80 suonando con Blood, Sweat & Tears, Billy Cobham e in particolare con Miles
Davis dimostrando di essere un innovatore oltre che un musicista apprezzato dai colleghi e dai
fan. Come ha affermato Guitar World: “Uno dei veri grandi chitarristi della sua generazione.”
Il fascino e la sensualità della voce femminile. Body and Soul.
Da sempre le cantanti di jazz hanno rappresentato l’aspetto più profondo ed intimo
dell’immaginario del jazz, il corpo e l’anima, body&soul. Qui si incrociano tre storie diverse, tre
modi di interpretare il ruolo. Una cantante afro-americana che trova il successo a Parigi, una
giovane cantante italiana che trova la ribalta a New York, una cantante italiana che trova il
successo prima in Italia e poi in Francia. E, infine, un nuovo talento coreano, di fomazione
classica, che spazia tra jazz e canzone francese.
Dee Dee Bridgewater è considerata una delle poche eredi delle grandi voci femminili del Jazz.
Figlia d’arte, Dee Dee debutta nel 1970 come cantante della Thad Jones-Mel Lewis Big Band per
poi continuare la sua eccezionale carriera a fianco di giganti come Sonny Rollins, Dizzy Gillespie,
Dexter Gordon e Max Roach e a spopolare in teatro come protagonista di numerosi musical dal
successo internazionale. Dotata di una voce duttile e scura, capace di oscillare dalla ballad
sussurata al pezzo funky più potente, e di un senso ritmico superlativo che si materializza in uno
"scat" inventivo e senza freni, il suo progetto vuol essere un omaggio al mito della grande Billie
Holiday, "Lady Day";

» Scarica allegato «

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Condividi su Goole Bookmarks

Commenti

Arcoleo.aurelio

Arcoleo.aurelio ha scritto il 10/08/2017 23:20:07

Prestito - Credito - Finanziamento

Risposta rapida: Arcoleo.aurelio@virgilio.it

Buongiorno , io sono un individuo che offre prestiti a livello internazionale. Con un capitale che verrà utilizzato per fornire prestiti tra breve e lungo termine speciale da 2000 € a 50.000.000 € a tutte le persone serie sono nel bisogno reale, il tasso di interesse è 1,90% annuo. I concede prestiti finanziari, Prestito casa , prestito di investimento, prestito auto, prestito personale. Sono disponibile ad incontrare i miei clienti in un massimo di 3 giorni di ricevere la vostra domanda.

Nota: Non inserire commenti sporchi in pubblicazione

Non gravi persona ritornello

E-mail: Arcoleo.aurelio@virgilio.it

silva02

silva02 ha scritto il 24/02/2017 17:19:55



Buongiorno Sig./Signora Siete in una necessità urgente ottenere un prestito rapido ed affidabile allora prendete contatta ed ottenete il vostro prestito di 2.000€ a più 500.000€ con un tasso d'interesse del 3% su una durata di rimborso della vostra scelta.
Volete contattarlo direttamente per ulteriori informazioni.
Email: silva.credito.finanze02@gmail.com
Whatsapp: +39 339 6910544

silva02

silva02 ha scritto il 24/02/2017 17:19:43



Buongiorno Sig./Signora Siete in una necessità urgente ottenere un prestito rapido ed affidabile allora prendete contatta ed ottenete il vostro prestito di 2.000€ a più 500.000€ con un tasso d'interesse del 3% su una durata di rimborso della vostra scelta.
Volete contattarlo direttamente per ulteriori informazioni.
Email: silva.credito.finanze02@gmail.com
Whatsapp: +39 339 6910544


Atrapalo